mercoledì 16 dicembre 2009

Il Vaticano di fronte ai preti pedofili

La Repubblica 15.12.09
Il Vaticano di fronte ai preti pedofili
risponde Corrado Augias

Dott. Corrado Augias, «Rabbia e vergogna», così papa Ratzinger si è espresso sull'insabbiamento degli abusi nei confronti dei minori nell'arcidiocesi di Dublino. La stampa anglosassone ha dato risalto al rapporto della Commissione Murphy, indagine durata anni durante i quali la preoccupazione dei quattro arcivescovi che hanno retto la diocesi è stata di «mantenere il segreto, evitare lo scandalo, proteggere la reputazione della chiesa e salvare le sue proprietà. Tutte le altre considerazioni, compreso benessere dei bambini e giustizia per le vittime, erano subordinate a queste priorità». Che questa fosse la vera preoccupazione è provato dal fatto che fin dal 1987 venne stipulata una polizza assicurativa relativa a future spese legali e a risarcimenti. E' il secondo rapporto su questo problema, dopo quello della Commissione Ryan, pubblicato a maggio scorso, che riguardava gli abusi sessuali commessi su 2.500 bambini delle scuole cattoliche tra il 1940 e il 1980. Quasi nulla è trapelato in Italia. Stampa e Tv hanno oscurato o relegato in posizione poco visibile la notizia, salvo rare eccezioni. Ora c'è stata la reazione ufficiale del Vaticano al rapporto Murphy e finalmente se ne parla. Che tempestività e che coraggio!
Massimo Rubboli rubboli@unige.it

Nel maggio scorso Enrico Franceschini scrisse una corrispondenza da Londra per questo giornale che apriva così: « È una delle pagine più nere della storia d'Irlanda, e della storia della Chiesa cattolica: l'abuso sessuale sistematico e ampiamente diffuso ai danni di bambini e adolescenti di entrambi i sessi, in scuole, orfanotrofi, riformatori e altri istituti gestiti da ordini religiosi cattolici irlandesi». Racconti atroci «di uomini e donne oggi adulti che ricordano di essere stati picchiati in ogni parte del corpo, seviziati, stuprati, talvolta da più persone. Una discesa agli inferi nascosta per decenni, solo ora svelata in tutta la sua mostruosa realtà». Il problema è delicatissimo e come tale lo avvertono gli ambienti più avanzati della stessa Chiesa. Nel giugno scorso il cardinale di Vienna Schönborn, ha consegnato a Benedetto XVI un appello dei fedeli austriaci che chiedevano di abolire l'obbligo del celibato. Gianni Gennari, teologo e firma di 'Avvenire', fa notare che « il celibato dei preti non è verità di fede, è una legge della Chiesa latina del 1139 poi fissata dal Concilio di Trento tra l'altro convocato da Paolo III, Farnese, padre di quattro figli, due dei quali legittimati». Il prof Bubboli aggiunge però che nel 2001 il cardinale Ratzinger aveva inviato a tutti i vescovi una lettera riservata per ribadire l'obbligo di mantenere segrete, pena la scomunica, le notizie relative ad abusi sessuali compiuti da preti mettendone al corrente solo il Vaticano.

Nessun commento: