sabato 23 febbraio 2008

Chiesa cattolica: la piu’ grande diocesi degli stati uniti dichiara fallimento per far fronte a spese legali

Chiesa cattolica, Poretti: la piu’ grande diocesi degli stati uniti dichiara fallimento per far fronte a spese legali

21 febbraio 2008

• Intervento dell'on Donatella Poretti parlamentare radicale della Rosa nel Pugno, segretaria della Commissione Affari Sociali

La piu’ grande diocesi cattolica statunitense, quella di Fairbanks in Alaska, ha avviato la procedura fallimentare per far fronte alle spese legali derivanti dalle molestie sessuali perpetrate da preti pedofili. Sono circa 150 i casi giudiziari che la Chiesa cattolica deve affrontare in quella Diocesi. Gli abusi sessuali avrebbero avuto luogo fra gli anni ’50 e ’80.

Gia’ a novembre 2007, un ordine cattolico in Alaska aveva accettato di risarcire ben 50 milioni di dollari a piu’ di 100 nativi per abusi commessi da preti gesuiti.

Quella di Fairbanks si aggiunge cosi’ ad un lungo elenco di diocesi statunitensi che, pur di evitare migliaia di cause pubbliche in cui gli imputati non erano solo i singoli preti pedofili ma anche le gerarchie che li avevano protetti, stanno faticosamente cercando di risarcire bonariamente le proprie vittime.

Altre diocesi Usa in procedure fallimentari sono quelle di: San Diego, Davenport, Tucson, Spokane, Portland.

Mi chiedo solamente per quale motivo debba essere io a dare queste notizie nel Paese dove l’informazione sulla Chiesa Cattolica e’ sempre attentissima e approfondita. Il Papa appare in televisione piu’ del presidente del Consiglio, e per invitare qualcuno a questa o a quella trasmissione della tv pubblica basta la telefonata di un cardinale. E l’ampio spazio dedicato all’informazione politico-religiosa (quasi esclusivamente cattolica) pare trovare giustificazione proprio nella presunta superiorita’ morale delle istituzioni cattoliche. E’ forse questo mito che si cerca di proteggere?

da: http://www.radicali.it/view.php?id=117029

Nessun commento: