lunedì 3 dicembre 2007

Le prossime mosse di Benedetto XVI

il Riformista 3.12.07
Le prossime mosse di Benedetto XVI
Rivoluzione allo Ior: in arrivo Tietmeyer

Sono cinque gli uffici con competenze finanziarie del Vaticano. Oltre all'Apsa (Amministrazione del patrimonio della sede apostolica), al governatorato dello Stato della Città del Vaticano, alla prefettura degli Affari Economici e alla congregazione per l'Evangelizzazione dei popoli, c'è lo Ior (l'Istituto per le opere di religione), in sostanza la banca vaticana. L'istituto è controllato da una commissione cardinalizia di vigilanza dalla quale, questa settimana (si dice domani), dovrebbe ufficialmente uscire l'attuale presidente, ovvero l'ex segretario di Stato vaticano Angelo Sodano che lo scorso 23 novembre ha compiuto 80 anni ed è così entrato nell'età in cui non si può più far parte, come componenti effettivi, dei vari ministeri della Santa Sede.
Ancora oggi, nella commissione cardinalizia di vigilanza dello Ior, vi sono insieme a lui Tarcisio Bertone (attuale segretario di Stato vaticano), Juan Sandoval Iniguez (arcivescovo di Guadalajara), Attilio Nicora (presidente dell'Apsa) e Adam Joseph Maida (arcivescovo di Detroit). Da domani, il posto di presidenza dovrebbe essere automaticamente consegnato al cardinale Bertone mentre per il nome di chi andrà a occupare il quinto e ultimo posto ancora disponibile i giochi sono aperti. Si parla con insistenza dell'arrivo del neocardinale Giovanni Lajolo (presidente del governatorato) anche se non è escluso che il pontefice, sentito innanzitutto il cardinale Bertone, possa optare per un nome internazionale. La commissione cardinalizia di vigilanza dello Ior, infatti, ha quasi sempre avuto al suo interno, oltre a un cardinale proveniente dagli Stati Uniti, anche uno proveniente dalla Germania. Si tratta dei due paesi che raccolgono la maggiore quantità di offerte per la Santa Sede ed è logico che abbiano una rappresentanza agli alti livelli della banca vaticana.
La struttura dello Ior ha subìto nei mesi scorsi alcuni importanti cambiamenti. Il primo ottobre scorso Paolo Cipriani ha preso il posto del direttore generale Lelio Scaletti. Cipriani, cinquantatreenne romano, sposato con due figli, prima di entrare in servizio allo Ior aveva prestato la propria attività presso il Banco di Santo Spirito e la Banca di Roma, svolgendo anche compiti di rappresentanza di questi istituti in Lussemburgo, a New York e a Londra. Attualmente presidente dello Ior è il banchiere Angelo Caloia. Ma da gennaio il suo posto potrebbe essere preso dall'ex presidente della Bundesbank, Hans Tietmeyer, membro della pontificia Accademia delle scienze.
Resta tutta da decifrare, invece, la posizione dell'attuale segretario personale del cardinale Sodano, monsignor Piero Pioppo, nominato prelato dello Ior dallo stesso Sodano durante i suoi ultimi mesi alla guida della segreteria di Stato, dopo aver rispolverato una carica che era rimasta vacante dai tempi dell'uscita di scena del discusso e potente monsignor Donato De Bonis, braccio destro di Paul Marcinkus.
In settimana, pare domani, dovrebbe avvenire anche l'importante nomina del nuovo direttore dei musei vaticani. Si tratta di Antonio Paolucci, storico dell'arte, già ministro dei beni culturali ed ex-soprintendente per il polo museale a Firenze. Insieme, si parla dell'arrivo alla congregazione per l'evangelizzazione dei popoli di monsignor Ermes Viale, oggi officiale della prima sezione della segreteria di Stato vaticana, quale nuovo capo dell'ufficio amministrativo del ministero retto dal cardinale Dias.
Più in là, invece, probabilmente entro e non oltre il mese di gennaio, dovrebbe avvenire un cambio ai vertici dell'ospedale pediatrico Bambino Gesù. Viene dato per probabile l'arrivo, come nuovo presidente, dell'attuale vice presidente dell'ente ospedaliero Ospedali Galliera di Genova, il professor Giuseppe Profiti. L'ospedale genovese, in ossequio al suo statuto, è oggi presieduto dall'arcivescovo della città, il cardinale Angelo Bagnasco. Istituito, infatti, come opera pia, l'ente deve le sue origini alla munificenza della Marchesa Maria Brignole Sale, duchessa di Galliera, che lo ha edificato tra il 1877 e il 1888. Da sempre l'ente genovese ha avuto la peculiarità della presidenza affidata all'arcivescovo in carica in città. L'eventuale arrivo di Profiti al Bambino Gesù - ospedale a oggi di proprietà della Santa Sede - permetterebbe una certa continuità di governo con la gestione precedente.

Nessun commento: